Di tagliandi pediatrici e oculista

L’altro giorno i nani hanno fatto il tagliando dalla pedi. La dottoressa Latte&Miele. La chiamo così perché è troppo dolce e paziente e ha sempre un odore di caramelle Ambrosoli al latte e miele.
Io a volte vorrei essere come lei, calma, placida, imperturbabile. Invece sono irrequieta, nervosa (nevrotica sarebbe meglio) agitata, ma ognuno si tiene i suoi difetti e campa comunque!
La dottoressa Latte&Miele è la pedi “più mitica” che dei bimbi possano avere; l’inverno non porto quasi mai i bimbi da lei ma viene a casa e li visita anche la sera tardi.
Ve lo state chiedendo. Lo so, lo sento: non è quella privata. È quella della ASL!
Ora, risalite sulla sedia e continuate a leggere!
Io la adoro! Per questo motivo anche First la adora. Second invece è nella fase RigettoDell’Estraneo pertanto appena la vede urla.
Il tagliando di Second, a parte che ha pianto tutto il tempo manco le stessero facendo la ceretta all’inguine,  è andato benissimo.
È vispa, allegra, vivace. Pure troppo.
Fa tutto quello che i bimbi della sua età fanno, meno che gattonare argh. Ride, piange, se la abbassi apre gli occhi, se la alzi li chiude. Un po’ come il cicciobbello al contrario, ti piglia per il culo e se la ride.
Anche il test dei campanellini, per controllare l’udito, è ok. Che poi è una cosa fichissima, si avvicina al mio tentativo di farmi riportare la palla dell’altro giorno. Fa molto Addestratore Canino.

Per il resto, grazie a Dio e grazie anche un po’ alle mie tette che – a produzione galattogoga – alla Lola gli fanno un baffo, cresce bene.
Io, come faccio di solito con la Dottoressa Latte&Miele, le ho espresso tutto il mio rammarico (aggiungendo che sono quasi sull’orlo di una crisi di nervi) per il fatto che Second rifiuta la sbobba di verdure con le varie gustosissime (?) creme di riso/mais e tapioca/semolino o pastine varie e ha due reazioni:
– chiude la bocca e urla – che poi come faccia devo ancora capirlo forse avrà un futuro da ventriloqua nel circo Togni – questo quando va di lusso.
– comincia a soffiare spruzzandomi addosso, e su tutto quello che mi circonda, quello che sta mangiando – questo quando va male e il lusso è che nello spruzzare non becchi il muro.
Lei, mi ha guardata negli occhi, mi ha virtualmente preso sulle sue ginocchia, mi ha accarezzato la testa, spazzato le mie ansie e detto “Signora, cresce così bene, non c’è da preoccuparsi. Le dia cosa vuole e soprattutto latte materno a volontà. Non c’è fretta che mangi altro, mangerà quando è pronta!”.
Io mi sono prostrata ai suoi piedi, le ho chiesto di sposarmi. Lei ha detto di no.
Le ho chiesto se posso chiamarla qualche volta quando ho qualche problema. E lei mi ha detto che è sempre a mia disposizione. Che donna! La venero.
Il nano primogenito, First, anche lui tutto ok.
Tutto felice, ha preso i complimenti della pedi dopo che lui le ha parlato delle sue fidanzate e dopo che ha letto qualsiasi scritta che vedeva nello studio.
La visita tutto ok su tutti i fronti: base per altezza, raggio per raggio per 3.14. Insomma, yeah.
Siamo passati alla visita oculistica.
“First leggi qui”:
F > effe
D> d
“Ok… ora la riga più in basso”
D> o
E> effe

“signora, credo sia opportuno farlo vedere dall’oculista!”
“Maddai?”
“Si, per lui che sa leggere bene non è normale scambiare così le lettere.”
“Lei crede?”
“Si. Lo faccia vedere!”
“Okeeeeey”.
Oggi siamo andati dall’oculista. Anche lei, molto brava, soprattutto coi bimbi. Devo dire che c’ho un discreto culo eh!
“Il bimbo sa leggere?”
“Si”
“Ok, facciamo il test con le forchettine”
“Si ma lui non distingue bene, destra e sinistra”
“Non c’è problema, mi dirà se la forchettina è orientata verso la porta o verso di lei”
“…”
First, dov’è orientata la forchettina?”
“Non riesco a vedere…”
“E ora? Se ti metto questi occhialetti?”
“Si brava dottoressa, così ci vedo bene”

Sentenza: deve mettere gli occhiali. Non c’eravate arrivati eh? Io speravo proprio di evitargliela questa scocciatura.
Io li ho messi che avevo 10 anni e li porto ancora. A volte le lenti, ma che palle…
Si abituerà!

_________________________________________________________________________
Vuoi rimanere aggiornata sulle novità del blog? Iscriviti alla Newsletter.

Se ti va seguimi anche su Facebook e Twitter.
Per divertirti con me ogni giorno e curiosare un po’ nella mia vita passa a trovarmi su Instagram.

Categories: My life

Commenta con Facebook...

commenti

Commenti

  1. Marlene
    Marlene 9 aprile, 2010, 21:25

    bis le fortune tute tue he? pima il marito ideale e poi pure la pediatra latte&miele. mi sa che mi trasferisco giu da te, il posto non mi dispiace. La mia pediatra è un specie di segretaria sexi dalle scollature esagerate e le minigonne inguinali, lunghi capelli rossi alla jessica rabit e una nevrosi cronica, per lei la rana sta sempre bene, anche con vomito e dirrea cronici per lei è sempre tutto ok. E’ per questo che ho sborsato fiori di soldi mensilmente dal pediatra privato che di venire a casa non se lo sogna nemmeno.
    Per first pazienza, gli occhiali non sono una tragedia e poi lo faranno sembrare piu sexi davanti alle ragazzine.

    Reply this comment
  2. Piccolalory
    Piccolalory 9 aprile, 2010, 22:48

    VOGLIO quella pediatra!!!! Dove devo firmare???
    Mi spiace per gli occhiali a First ma si sa, noi con gli occhiali abbiamo una marcia in più 🙂
    P.S. al momento la mia Letizia (16 mesi) farebbe carte false per averli 🙂
    P.P.S. Per lo svezzamento di Second ti consiglio “Io mi svezzo da solo” di Piermarini, un libro illuminante… e divertente!

    Reply this comment
  3. mammalellella
    mammalellella 9 aprile, 2010, 23:01

    credo che la mia pediatra della mutua non sia mai venuta a casa in tutta la sua carriera…
    ps. anche Ariel deve fare la visita oculistica

    Reply this comment
  4. Pollon72
    Pollon72 9 aprile, 2010, 23:06

    Anche io porto gli occhiali da quando avevo 8 anni, ci si abitua…
    Sei fortunata per la pediatra! Anche io adora la pediatra del Topo, è simile alla tua, anche se non è mai venuta a visitare a casa. Però è paziente, gentile, mi spiega nei dettagli quando faccio una domanda e mi da una pacca sulla spalla virtuale sulle piccole cose che non si possono risolvere, come il fatto che il Topo abbia deciso di non mangiare carne. Evviva le dottoresse super!

    Reply this comment
  5. Anonymous
    Anonymous 9 aprile, 2010, 23:08

    come al solito rosico…ma solo per la pediatra, of course.

    a proposito di gattonamenti, ti volevo dire da un pò che anche a me ha iniziato strisciando per poi gattonare. io nn mollerei l’impresa.

    baci

    Reply this comment
  6. Ele,
    Ele, 9 aprile, 2010, 23:47

    Allora per la pediatra ci vuole c..o e basta. Pensa che la mia ha diagnosticato per telefono che mia figlie avesse una tosse allergica. Ovviamente sono andata da un pediatra privato che mi ha detto che la piccola aveva un semplice raffreddore non curato. Però è sempre venuta a casa quando ne ho avuto bisogno. Se ti succede qualcosa nel w.e. lei non c’è, vive fuori. vabbè mi sono rassegnare , talvolta mi tocca sborsare 100 euro per stare tranquilla.

    Reply this comment
  7. Ondaluna
    Ondaluna 10 aprile, 2010, 08:16

    “Brava dottoressa, così ci vedo bene”: che teneroooo! So che è una seccatura, ma pensa che sollievo, povero piccolo!

    Reply this comment
  8. bismama 2.0
    bismama 2.0 10 aprile, 2010, 10:17

    @Marlene: bhe anche per la mia va sempre tutto bene. Quando stanno male…stanno male, ma non è allarmante come persona….ecco, mi mette sempre calma e con lei mi ci son trovata sempre benissimo….poi è pure allergologa ed adolescentologa 🙂

    @ PiccolaLory: per lo svezzamento io seguo come un’adepta GONZALES. E’ il mio mito, ho letto anche Besame Mucho.

    @ mammalellella: fagliela fare la visita Rossella. Meglio prima dell’inizio delle elementari così si abitua.

    @ Ele: io da quando ero incinta li ho scannerizzati tutti i ped. Poi però avevo dalla mia le varie esperienze dei nipotini e mi sono potuta orientare.
    Lei una volta mi ha fatto portare First a casa sua, la vigilia di capodanno, per visitarlo…e anche con Second lo ha fatto a NAtale. A volte ni we non è reperibile..ma è umana anche lei…insomma! Però io non chiamo mai i sostituti….Dio ce ne scampi…finora ho gestito io in sua mancanza…cmq manca molti giorni solo l’estate. D’inverno al max per convegni e robe del genere 2 o 3 giorni.

    @ Ondaluna: lui non si lamenta moltissimo, ma il difetto c’è e prima si corregge meglio è!

    Reply this comment
  9. Airin
    Airin 10 aprile, 2010, 11:46

    Spero tanto che quando arriverà il momento troverò anch’io un/una pediatra come la tua!! E lo dico sospirando…

    Reply this comment
  10. bismama 2.0
    bismama 2.0 10 aprile, 2010, 12:06

    @Airin: vuoi un consiglio??? Comincia a cercare….

    Reply this comment
  11. Mom
    Mom 12 aprile, 2010, 09:43

    Che frustrazione… il mio pediatra mai venuto a casa: ed è privato!!!:-( per gli occhiali vedila così: sarà davvero molto sexy quandi crescerà, con l’occhialetto da intellettuale;-) questo è ciò che “mi racconto” io, che occhiali e lenti li porto da una vita… quando esco dalla doccia, inforco gli occhiali e penso alla scena con la Kidman in Eyes Wide Shut… e naturalmente scoppio a ridere, perché neanche gli occhiali le assomigliano!!!!!:-)

    Reply this comment
  12. bismama 2.0
    bismama 2.0 12 aprile, 2010, 10:33

    Bella l’idea di eyes with shut…neanche i miei occhiali somigliano a quelli della kidman…ma a dirla tutta i suoi erano terribilmente fuori moda

    Reply this comment
  13. claramarina07@libero.it
    claramarina07@libero.it 12 aprile, 2010, 22:59

    ci si abitua te lo garantisco. mio figlio orami quasi 7 anni li porta da quando ne aveva 2, senza avere grossi difetti era (è) astigmatico e ipermetrope. con l’inizio delle elementari gli abbiamo comprato un bellissimo paio di occhiali azzurro a striscine blu di cui va molto fiero. certo quando era piccolo abbiamo fatto un po’ fatica. ma c’è sicuramente di peggio! ciao!

    Reply this comment
  14. bismama 2.0
    bismama 2.0 13 aprile, 2010, 10:10

    @claramarina: si fortunatamente è una sciocchezza…c’è di peggio!

    Reply this comment

... oppure con Wordpress

Your e-mail address will not be published.
Required fields are marked*