IlMaritoIdeale: I feel good

Sulla scia del post di Mammagiovane, “Gli uomini sono tutti uguali” e di quello di Marlene, “Ma come funzionano i mariti”, mi sono sentita in dovere/piacere di parlarvi del mio maritozzo.

Diciamo che io vedo in quei post alcune di lui caratteristiche. Ma non è che lo riveda proprio completamente, anzi.
Penso che ci siano determinate categorie di “uomini non funzionanti”, così come ci sono determinate categorie di “donne scassapalle”.
Di solito questi tipi di individui sono scompagnati.
Vale a dire che a una donna scassapalle corrisponde un uomo dolce e carino, mentre a una donna dolce e carina corrisponde un uomo non funzionante.
È la legge inversamente proporzionale della natura. Non c’è storia.
Più sei scassapalle, più avrai un marito carino e gentile. Più sei un tappetino e più dovrai rassegnarti a un marito senza batterie.
No, ora seriamente. Leggendo quei post, ho capito che forse son davvero fortunata e che magari me lo devo pure tenere bello stretto. Davo per scontato che molti suoi comportamenti li avessero tutti, invece no.
A quanto pare molte delle donne, che conosco (dal vivo o virtualmente) hanno spesso da lamentarsi del loro concubino. Allora la domanda è: sono io che mi accontento e non chiedo altro? Oppure è Lui ad essere diverso?

Dunque, parte il momento analisi.

Non è un tipo molto comune.
È molto romantico. Una volta, per san Valentino, mi regalò una mongolfiera enorme con appeso uno scimpanzé di peluche vestito da sposo e con un biglietto che, man mano che la mongolfiera saliva nella stanza, si apriva e c’era scritta una frase dolcissima da un lato e TI AMO dall’altro.
Non potevo neanche dirgli, al telefono, che avevo voglia di baci perugina, lui correva a comprarli e me li portava.
L’altro giorno mi ha portato tre bacetti dal tabaccaio. E vabbé, poi tutto si ridimensiona no?

È dolce q.b. Nel senso che non è mieloso o melenso da voltastomaco ma effettivamente quanto basta e quando serve. A volte mi canta delle canzoncine, il più delle volte si improvvisa compositore. Mi fa ridere. E questo non è poco.
Prima di uscire di casa mi da sempre un bacino e anche quando rientra.
Aiuta in casa (compatibilmente con lavoro&co.). Non ama il faidate, infatti c’è un’infiltrazione nella cabina armadio, che è diventata un membro attivo della famiglia. La mattina quando devo vestirmi chiedo consiglio a lei sui colori da abbinare.
Per il resto, non esce mai da solo senza di noi, se non per le Sacre partite di calcetto infrasettimanali.
Ah, si… e poi è bellissimo!
Oddio, ho una sensazione di vertigini da eccesso di zucchero.

Mica è privo di difetti. Ce li ha! A volte è iroso e ti stizzisce che gli tirerei il portaombrelli.
Altre volte mi prende in giro nei momenti meno opportuni e io mi innervosisco non poco e ha poca memoria. Però penso che sulla sua bilancia i pregi vincano contro i difetti!!!

Ovviamente la regola di cui sopra, con me non vale (mi pare normale): non sono scassapalle, ma solo fortunata! Ovvio che se fossi scassapalle, non ve lo direi.

Non ha cugini né amici suoi simili da potervi presentare. Rassegnatevi.

_________________________________________________________________________
Vuoi rimanere aggiornata sulle novità del blog? Iscriviti alla Newsletter.

Se ti va seguimi anche su Facebook e Twitter.
Per divertirti con me ogni giorno e curiosare un po’ nella mia vita passa a trovarmi su Instagram.

Categories: Coppia, My life

Commenta con Facebook...

commenti

Commenti

  1. mammalellella
    mammalellella 18 gennaio, 2010, 00:17

    dolcissima la monfolfiera, un pensiero originalissimo!
    cmq anche io mi considero una donna fortunata… uno di questi giorni ve lo racconterò!
    PS.Per quanto riguarda il mio post, la suora è andata in Romania è Ariel che dice Romagna…ho modificato il post, così si capisce meglio ;-))

    Reply this comment
  2. JooJu nel Regno di Pirimpilla
    JooJu nel Regno di Pirimpilla 18 gennaio, 2010, 10:40

    E’ bello leggere post così! Sei molto dolce, ed è carino leggere di coppie innamorate che non si lamentano dei difetti dell’altro… l’amore è questo i pregi e le piccole attenzioni che cancellano i piccoli difetti ^__^ siete entrambi fortunati!

    Reply this comment
  3. Marlene
    Marlene 18 gennaio, 2010, 10:59

    Bene io l’ho detto che le altre so semre piu fortunate….sicuro che non sei scasapalle no?

    Reply this comment
  4. mammanonlosa
    mammanonlosa 18 gennaio, 2010, 11:15

    che carina che sei…. e soprattutta fortunata, ma sono sicura che non è solo fortuna c’è un detto che dice “chi si somiglia si piglia” e in fondo in fondo credo sia così.
    Baciotto

    Reply this comment
  5. bismama
    bismama 18 gennaio, 2010, 11:20

    Bhe modestia a parte…dietro un grande uomo c’è sempre una gran donna…ahahahahahahahaha ma conme sono modesta.

    Marlene…si sono scassapalle nel profondo!!!!
    🙂

    Reply this comment
  6. Francesca
    Francesca 19 gennaio, 2010, 11:21

    Concordo pienamente con te, anch’io mi reputo abbastanza fortunata, ma come dici tu d’altronde dientro un grande uomo c’è sempre una grande donna! a volte vorrei che fosse diverso ma quando sento il racconto di qualche amica, penso a quanto sono fortunata ad avere quello che ho! l’importante comunque è non farglielo sapere altrimenti sarebbero guai!!!
    baci baci

    Reply this comment
  7. Lillà
    Lillà 23 gennaio, 2010, 18:11

    ahah! che bello questo post! oh te lo dico,stai pericolosamente diventando il mio modello virtuale di mamma/moglie! 😉
    ps comunque per me la cosa davvero inspiegabile è vedere donne scassapalle con compagni modello! e ci sono,eccome..
    un abbraccio e un sorriso!

    Reply this comment
  8. bismama
    bismama 25 gennaio, 2010, 20:10

    @Lillà: grazie, ma non so quanto ti convenga avere me come modello 😉

    Reply this comment
  9. Sabrina
    Sabrina 16 novembre, 2012, 11:44

    Secondo me non siamo così rare. Mio marito si è innamorato di me vedendomi a 15 anni all’uscita da scuola e mi ha corteggiato per 11 anni prima che ci mettessimo insieme. Ci ronziamo attorno da 25 anni.
    Mi dice “grazie per quello che fai” tutte le sere. Pensa alla casa, sa dove teniamo il necessario per cucire, è l’unico a stirare, si offre di tenere la bimba per consentirmi di uscire con le amiche o andare in palestra. Si è battuto perchè la pupa avesse anche il mio cognome – “mi pare il minimo”, ha detto – e dice che il suo tempo migliore è ogni minuto che passa con noi. Conosce il rispetto, l’amore, la tenerezza, l’impegno onesto. Io ovviamente sono pazza di lui.

    Reply this comment

... oppure con Wordpress

Your e-mail address will not be published.
Required fields are marked*