Kung fu panda 3: se fai solo quello che sai fare non sarai mai più di quello che sei ora

Ci sono cose, concetti, che i film di animazione, con la loro storia armoniosamente raccontata attraverso personaggi quasi sempre amabili, possono essere insegnati e trasferiti ai bambini, meglio di come farebbe qualsiasi pedagogista o genitore. Uno di questi film è Kung fu Panda 3.

Kung Fu Panda 3
Lo sapete, ormai, noi amiamo il cinema, anche quello di animazione, purché la storia sia avvincente e non scontata e, soprattutto, regali il giusto insegnamento ai bambini. Kung Fu Panda 3 e, in generale tutta la saga di Kung Fu Panda, rientra in questa categoria.
Lo abbiamo visto tutti insieme un sabato sera e ve ne parlo qui.

Kung Fu Panda 3: la storia

Il mal riuscito fratello di armi di Oogway, il perfido Kai nonché supremo signore della guerra di tutta la Cina, è ormai in esilio da decenni nel regno degli spiriti ma, purtroppo, trova il modo di fuggire animato dal desiderio di distruggere il Palazzo di Giada e carpire il chi – l’energia che anima tutte le cose viventi – dei suoi nemici.
A questo punto, immaginerete, deve entrare in gioco Po, il nostro famoso guerriero dragone.
Il problema è che Po sta attraversando una specie di crisi esistenziale. Non riesce ancora dominare il suo chi e per questo non capisce chi lui sia veramente. Dopo che incontrerà suo padre naturale, e non l’Oca, comincerà ad avere una visione più chiara di dove lo ha portato la sua vita, di ciò che è diventato e di cosa è capace di fare. Imparerà che ha dei talenti nascosti che non conosceva semplicemente perché non li ha mai presi in considerazione.
Per attraversare la crisi prima, e per tenere testa a Kai, sarà necessario tutto il cuore e il coraggio di Po – nonché l’aiuto del saggio Shifu, dei Cinque cicloni e di entrambi i suoi papà.
Sembra una trama complessa ma non lo è affatto perché, come nei precedenti episodi, ciò che trascina la storia è la leggerezza con la quale vengono trattati temi filosofici e religiosi piuttosto importanti.

Kung Fu Panda 3: la morale

Fin dal primo episodio della saga che invitava i bambini a non fermarsi davanti a quelli che ritenevano dei limiti che li avrebbero tenuti lontani dalla realizzazione dei propri sogni, ho amato Po perché aiuta i bambini a riflettere e li mette nelle condizioni migliori per ricevere messaggi positivi.
Questa volta si tratta di un invito all’autoconsapevolezza e al dominio di se stessi che non diventa mai sermone moraleggiante.

_________________________________________________________________________
Vuoi rimanere aggiornata sulle novità del blog? Iscriviti alla Newsletter.

Se ti va seguimi anche su Facebook e Twitter.
Per divertirti con me ogni giorno e curiosare un po’ nella mia vita passa a trovarmi su Instagram.

Categories: Maternità, Recensioni

Commenta con Facebook...

commenti

Commenti

  1. watch kung fu panda 3 online
    watch kung fu panda 3 online 5 novembre, 2016, 22:14

    Po (Jack Black) is reunited with this panda daddy Li (Brian Cranston), much to the annoyance of his jealous Goose father Mr.
    Ping (James Hong).

    Reply this comment

... oppure con Wordpress

Your e-mail address will not be published.
Required fields are marked*