Nani ammalati e decisioni

Siamo in una situazione di stallo. Occorrono fermezza e decisioni.
La dott.ssa Latte&Miele se ne va. Cambia distretto. E così mi ha dato tutta la sua disponibilità a vedere i nani quando può ma, per questioni burocratiche, ho bisogno di un’altra pediatra.
Ci tocca setacciare, ascoltare pareri che più aumentano in numero e più sono contrastanti, cercare, pensare.
E poi c’è questa proposta che, dopo i sei anni, i bambini potrebbero passare sotto il controllo del medico di base. Quello che cura gli adulti, per dire.
Ecco, a me ‘sta cosa, che dovrebbe snellire alcune problematiche, mi mette un’ansia che non potete capire. Seriamente io ci penso da un po’ ma non riesco a prendere una posizione riguardo questa cosa.
Le domande sono molte. Un medico abituato ad avere a che fare con gli adulti come si pone con eventuali problemi che potrebbero insorgere durante la pubertà e la preadolescenza? Oppure, saprebbero riconoscere con un tempismo non da carapace, una patologia tipica dell’infanzia? Tipo, che ne so, la celiachia o cose simili? Domande.
E poi, comunque, il problema pediatra non sarebbe risolto. Second ha 2 anni e mezzo.
E i nani sono ammalati, la dott.ssa Latte&Miele (santa subito) passa comunque a vederli (c’ho avuto culo. I know!) ma non può ricettare e così è un casino inimmaginabile.
Il fatto è che la mia pediatra ci ha abituati fin troppo bene. Quasi mai una visita in studio (esclusi i controlli) e sempre visite scrupolosissime e a domicilio quando sono ammalati. Riportatemi bruscamente alla realtà: dove la trovo un’altra così?
È più facile che Marzullo smetta di portare i capelli alla Raffaella Carrà. Lo sappiamo tutti.
Adesso ho bisogno dei vostri pareri che, come sempre, risultano preziosissimi.
Non è una sviolinata. Si, non lo è e non ridete. Sono al dessert!
Che criteri usate nella scelta del pediatra? Tipo gli controllate la fedina penale, gli fate compilare un questionario o cosa?
E poi, voi spostereste i vostri nani dal vostro medico di base dopo i 6 anni?
Help!

_________________________________________________________________________
Vuoi rimanere aggiornata sulle novità del blog? Iscriviti alla Newsletter.

Se ti va seguimi anche su Facebook e Twitter.
Per divertirti con me ogni giorno e curiosare un po’ nella mia vita passa a trovarmi su Instagram.

Categories: My life

Commenta con Facebook...

commenti

Commenti

  1. Mamma Cì
    Mamma Cì 3 febbraio, 2012, 13:09

    ecco appunto dove la trovi una così?? io porto il mio bottoncino a giro con la febbre a 39 per farlo vedere dalla pediatra! addirittura ho usufruito del pronto soccorso pediatrico nel weekend perchè aveva febbre a 40…mai una volta a casa…anche io dovrei cercarne un altro ma a sentire in giro non ce ne sono che vengono a casa a meno che….NON PAGHI!!!!!!!!!!!
    buona ricerca 😉

    Reply this comment
  2. alessandra ruggero
    alessandra ruggero 3 febbraio, 2012, 13:17

    … anch’io dico, baciati le mani … o meglio, dovevi proprio baciarti le mani.
    Con 2 nani ammalati ed io influenzata non sono riuscita a farla venire a casa ! No comment !

    Per sceglierla (che poi non mi lamento, mi piace, mi sembra competente e scrupolosa, ma di uscire …)ho chiesto consiglio ad amiche che abitavano in zona e avevano figli, magari amiche pediatre o comunque medici!

    In bocca al lupo !!

    Reply this comment
  3. sonoalmondo
    sonoalmondo 3 febbraio, 2012, 13:21

    Abbiamo scelto la pediatra con un criterio scientifico: a caso! Fino a quando non hanno avuto niente di serio andava benissimo, poi non ha trovato la broncopolmonite ad Alberto e quest’anno nemmeno al piccolo che respirava come mio nonno, incallito fumatore, all’età di 87 anni. Siamo ricorsi ad una pediatra privata, sempre disponibile via telefono, che mi ha visitato il piccolo ogni 3 giorni per 1 mese facendomi pagare solo nel weekend. Quindi lei stupenda, ma a pagamento! A 7 anni sono ancora bambini, il fatto di passare al medico di famiglia mi sembra solo la volontà di alleggerire i pediatri, scarsi e oberati.

    Reply this comment
  4. sifaprestoadiremamma
    sifaprestoadiremamma 3 febbraio, 2012, 13:21

    Ciao Bismamma…
    guarda, sono anche io alle prese con l’affaire pediatra. Figurati che ne ho parlato giusto due giorni fa sul blog.
    Trovare un bravo pediatra è un’impresa! Io mi ritengo fortunata perchè ne ho trovato uno super, ma privatamente (e un po’ distante da casa). Quello della mutua è stato un disastro, e ora devo mettermi a cercarne un’altro… anyway, se ne hai la possibilità, dato che la tua pediatra è così disponibile, non potresti chiederle di curarti i bimbi, privatamente, proprio nei momenti di reale necessità? Ammesso chiaramente che lei faccia anche visite private. Oppure, improvvisati detective e fai una piccola indagine tra le amiche prossime (nel senso di distretto): quali sono i loro pediatri, come sono? Magari le convochi per un bel aperitivo a tema! Io ho anche sguinzagliato i cani per raccogliere info su i bimbi di amiche di amiche…
    Good Luck!

    Reply this comment
  5. Anonymous
    Anonymous 3 febbraio, 2012, 13:25

    Pediatri come la tua non esistono piu’. Io ho adottato questa tecnica, chiudo gli occhi e scelgo fra quelle che hanno posto in base a dove mi cade il dito. E’ un inciampare… Criteri non ce ne sono. Poi quando ho bisogno vado alla guardia medica. Per il medico di base dopo i 7 anni… Boh io ho la mia dottoressa di base da quando ne avevo 10 e mi son trovata bene, per i problemi della pubertà, non ne vai a parlare dal dottore, forse dallo psicologo… Alla guardia medica, dove ci sono medici di base per adulti e non pediatri, di solito mi trovo meglio che dalla pediatra… Quindi boh’ forse sono d’accordo e a 7 anni magari Lorenzo lo segno dal medico di base (ora ne ha 5). Devo dire che mediamente anche con febbre a 40 nessun pediatra viene a casa (la mia mai venuta in 5 anni)mentre sempre alla guardia medica se il bambino ha la febbre vengono, quindi magari un medico per adulti puo’ per pena o affine decidere di venire a casa perché è l’eccezione, mentre per il pediatra e routine. Alice

    Reply this comment
  6. pollywantsacracker
    pollywantsacracker 3 febbraio, 2012, 13:28

    Io non sposterei le bambine dal mio medico di base che pure adoro, perché è inutile, i bambini hanno le loro problematiche, che sono diverse dalle nostre.
    La mia pediatra è molto brava, anche se non l’ho mai fatta venire a casa. Credo che i medici siano lavoratori (quasi) come gli altri, e non ho mai voluto telefonarle al cellulare: quando non è in ambulatorio chiamo la guardia medica. Se i tuoi bambini non hanno patologie croniche/gravi/particolari, io credo che tu possa trovare un’altra pediatra dell’ausl, magari confrontandoti con altre mamme. Baci.

    Reply this comment
  7. Anonymous
    Anonymous 3 febbraio, 2012, 14:16

    La mia esperienza: ho una pediatra di base inutile e sempre assente, che rimanda alla guardia medica sempre e comunque, e che poi si scoccia e stizzisce quando le dici che hai portato tuo figlio da un’altra pediatra dato che lei nel w/e non risponde… chiamatela, se volete, service culture.. Questa pediatra a 6 mesi e 0 dentini, voleva che dessi al pupino uova, pomodoro e i primi pezzettini…. Vabbè, alla fine ho 2 pediatre private (una più vicina, l’altra a cui faccio riferimento se non trovo la prima) assolutamente allineate come approccio e che mi richiamano SEMPRE in giornata anche se è sabato, domenica. Guardia medica? volevo denunciarlo, il mio bimbo 10 mesi aveva 39 di febbre, per telefono mi ha detto di sospendere la tachipirina (…) e dargli una penicillina “qualunque”, tanto suo figlio si sarà già ammalato in 10 ANNI no? No, mio figlio ha 10 mesi. Vabbé, signora, è lo stesso. Tanto senza una ricetta l’antibiotico non glielo danno. Come la vedete voi? Io dico semplicemente SANTE SUBITO LE MIE PEDIATRE PRIVATE!

    Reply this comment
  8. Alem
    Alem 3 febbraio, 2012, 14:30

    Io sono stata molto fortunata (non come te, però che la pediatra non si muove dallo studio) e solo l’idea di cambiarla, sarebbe causa di molto più di un post.
    Ti capisco eccome!
    Non sono assolutamente d’accordo per i bambini 6enni dal medico di base, prima e soprattutto perchè conosco il mio medico di base e poi perchè sono convinta che un medico non abituato a vedere bambini, non riesca con facilità ad individuare malattie, patologie e disagi tipici di un bambino. Forse non ne avrebbe nemmeno il tempo, perchè con i bambini ci vuole pazienza, ci devi saper fare, e come glielo spieghi ai 20 pazienti fuori in sala d’attesa??
    Con il nano poi, che di problemi veri ne ha e ne avrà, mi sono anche resa conto che le specializioni anche tra gli stessi pediatri sono fondamentali.

    Reply this comment
  9. Biancume
    Biancume 3 febbraio, 2012, 14:38

    Pensa che qui in Francia non esiste il pediatra dell’ASL le mamme si rivolgono al pediatra privato solo per i primi mesi di vita poi via di medico GENERALISTA anche esso privato e spesso vanno al Pronto Soccorso Pediatrico. Inutile dirti che al mio arrivo la cosa mi ha parecchio destabilizzato. Ho pensato: senza pediatra? mai nella vita. Ancora adesso non mi fido ad andare dal generalista, mi sono procurata il tel di un pediatra privato e siamo stati già tre volte al PS. Ma qui non ti guardano male, anzi. A Roma invece la pediatra dell’ASL non viene mai a casa, per visite a domicilio solo quella privata.Io fossi in te sceglierei comunque un’altro pediatra e non il medico generico,questi ultimi non sono abituati a curare bambini e l’improvvisazione non porta nulla di buono. Ti giro il consiglio che diedero a me quando ho voluto cambiare pediatra dell’ASL: chiedi in giro alle altre mamme di cui ti fidi, di cui sai condividi l’approccio, chiedi un appuntamento al pediatra,vedi che impressione ti fa, come è organizzato lo studio, se riceve per appuntamento, come gestisce le urgenze, la reperibilità che ti garantisce.

    Reply this comment
  10. piccola mamma
    piccola mamma 3 febbraio, 2012, 14:48

    anchio sono titubante nel mandare i bimbi di 6 anni sotto controllo di un medico.. mah!

    Reply this comment
  11. Mammachetesta
    Mammachetesta 3 febbraio, 2012, 14:54

    Noi abbiamo scelto la pediatra nel migliore modo possibile: non scegliendo perchè scelta non c’era. O lei o lei. Bello no?
    E anche se è un buon clinico lasciamo perdere le visite a casa che le fa solo a chi pare a lei e noi non siamo fra quelli (giuro! quasi tutti i nostri amici sono sotto di lei e ce da chi va per un raffreddore mentre noi comuni mortali li dobbiamo portare in studio con 39 o 40 di febbre e qualcuno lo voleva là nonostante le convulsioni!)
    Io non sono contraria al medico generico dopo i 7 anni.
    Forse perchè io e mia sorella siamo sempre state curate dal fantastico medico dei miei genitori che è morto quest’anno e ci ho versato fiumi di lacrime.
    Più di una volta ho chiesto consigli alla mia doc per Ida. Lei non ha figli ma una nipote che vive praticamente con lei e che ora ha 14 anni. Quando vado in crisi ululo un allarme rosso e lei mi sopporta 🙂
    Quindi sì,la sposterei al volo.
    Quello che magari si dovrebbe fare è iniziare a formare anche i medici generici in merito alle terapie pediatriche…tanto per mettere le mani avanti.

    Reply this comment
  12. Mammola
    Mammola 3 febbraio, 2012, 14:55

    Allora, intanto scordati veramente di trovare una pediatra disponibile come la tua perchè penso sia praticamente impossibile. Per la scelta del pediatra nuovo in effetti non so come mi comporterei nel valutarlo, o meglio, quando è nato Effi ho preso un pediatra per lui e ho fatto spostare Tigro che ne aveva un altro. Quello di Tigro non mi soddisfaceva in quanto, lui veniva dal Kenia, e non ne faccio una questione di colore della pelle in quanto non ho nessunissimo pregiudizio in proposito ma ogni volta che lo chiamavo se non era veramente grave mi rispondeva sempre che ero io che mi facevo paranoie perchè i bimbi in Africa muoiono per molto meno…grazie, lo so anche io ma qua per fortuna non siamo in Africa e possiamo disporre di molte risorse per poter curare i bambini e i malati in genere come si deve…comunque, per farla breve, ho preso appuntamento per un colloquio con gli altri pediatri disponibili in paese da me e dopo aver posto domande e essermi fidata anche del mio istinto e aver chiesto praticamente a tutte le mamme che conoscevo che pediatra avevano, perchè proprio lui e come si trovavano ho scelto…E devo dire che non ho scelto male, certo non viene a casa ma è molto scrupolose e devo dire grazie a lui se la polmonite di Effi, quando aveva 14 mesi, l’abbiamo presa in super tempo evitando spiacevoli conseguenze. Per il medico di base dopo i 6 io non sono per niente d’accordo. Innanzittutto trovo che la politica dovrebbe tagliare da altre parti piuttosto che privare i bambini di una risorsa a mio avviso indispensabile come il pediatra, abituato ad avere a che fare con i più piccoli e con tutte le patologie che si possono presentare nell’infanzia e nell’adolescenza e poi sono fermamente convinta che non sarà il taglio dei pediatri a risollevare le sorti, disastrose, dell’economia dell’Italia.

    Reply this comment
  13. psicomelina
    psicomelina 3 febbraio, 2012, 14:59

    Noi siamo andati un po’ a fortuna (confermata poi dalla scelta di una nostra amica, che senza saperlo, aveva scelto la nostra con cognizione di causa qualche mese prima di noi).
    Scrupolosa, gentile, ascoltatrice. Non mi è mai venuta a casa (ma non ho mai avuto l’urgenza per farlo), ma tutti quelli che sento me ne parlano tanto bene. Ma soprattutto… preferisce i rimedi omeopatici a i soliti bibitoni chimici. E già per quello, santa subito!

    Sconsiglio il medico di base come la morte.
    Già trovarne uno buono.. lasciamo stare, è un terno al lotto peggio del pediatra. Poi parlo per esperienza diretta.

    Con la pressione bassa in età pediatrica mi hanno dato farmaci per accelerare il battito cardiaco (rischio tachicardia e infarto, ma basta che ti danno una pillola o due goccette e hanno la coscienza a posto).
    La mia (di recente scoperta) allergia al latte, con relativo catarro come sintomo primario era stata liquidata con
    “se fumi non ci posso fare niente”.
    “e allora ‘ci faccia qualcosa’, visto che non fumo”
    “secondo me lei ha paura di dirlo ai suoi che fuma”
    “secondo me lei ha paura di dire in giro che la laurea l’ha falsificata, e che lei si intende solo di impicci sportivi, diciamocelo”.

    In più (ho cambiato numerosi medici di base anche per via dei vari traslochi) Non ti visitano nemmeno se li paghi. Tu gli racconti i sintomi, loro fanno diagnosi. Punto.
    Non ti racconto dello streptococco, che per quello dovrei rubarti un post sul blog!!!

    Se potessi mi iscriverei anche io dal pediatra, sicuramente (tra i casi peggiori) meglio di molti medici della mutua!

    Reply this comment
  14. Trasparelena
    Trasparelena 3 febbraio, 2012, 15:07

    ehm, il mio medico di base ha detto alla mia amica che uno sfogo di prurito che aveva poteva essere varicella (che non era). Pur trovandomi bene, quindi, la nana non ce la porterei. (comunque il MDB magari la celiachia la riconosce pure, ma il piedimanibocca?)

    Reply this comment
  15. gemini
    gemini 3 febbraio, 2012, 15:14

    Per la questione se spostare i bimbi al medico di base, sono del fronte dei NO. Poi magari bisognerebbe vedere pure com’è il TUO medico di base, ma in linea di massima credo che il pediatra abbia non solo delle competenze, ma anche un tipo di approccio diverso.
    La tua pediatra era davvero rara e preziosa; la mia in genere non fa visite a domicilio però, quando i gemelli erano piccoli ed eravamo in pieno inverno, si è offerta di venire a fare le prime visite di controllo a casa… un bel gesto. Però niente cell. e niente telefonate a casa se non per urgenze (che è pure giusto), anche io, come qualcuno ha scritto sopra, in questi casi scappo al PS.

    Reply this comment
  16. Alice
    Alice 3 febbraio, 2012, 15:45

    dalle mie parti (provincia di venezia) la guardia medica pediatrica non esiste più da un anno e mezzo circa. mi è capitato una sola volta di chiamare la guardia medica normale per mio figlio (all’epoca 2 anni) e il medico di turno non aveva idea di che farmaci potesse prendere un bambino di quell’età, e neanche delle dosi. non voglio dire che fosse incompetente, eh! magari sarà stato un bravissimo dermatologo o altro. ma se in medicina esiste una specializzazione in pediatria e se negli ospadali esistono i reparti di pediatria, un motivo ci sarà. i bambini secondo me vanno seguiti da pediatri. o i pediatri che fino ad oggi hanno seguito bambini sopra dei 6 anni lo hanno fatto per niente?

    Reply this comment
  17. Anna
    Anna 3 febbraio, 2012, 15:57

    Dunque, premettendo che anche secondo me pediatra come quella che lasci, non ne trovi piu’ ,potresti provare entrambe le cose, first dal medico di base e second con un nuovo pediatra ( qui per la scelta puoi affidarti alla Madonna o ai Santi Medici decisamente piu’ appropriati!), scherzi a parte secondo me non c’e’ una soluzione c’e’ solo da sperare che i bambini abbiamo sempre cose risolvibili e non gravi e per queste cose l’importante e’ avere un medico che sia pediatra o di base poco importa, deve solo consigliarci la giusta strada da percorrere per la guarigione! Io sono un po’ sconfortata in questo periodo i miei due nanetti si ammalano spesso e i pediatri che ho consultato ( privati e non) minimizzano sempre e mi ritrovo a correre nei loro studi con i bambini febbricitanti, mi piacerebbe che fossero loro a venire da noi, ecco questo per me sarebbe un requisito importante per decidere da che parte stare! Baci

    Reply this comment
  18. Parola di Laura
    Parola di Laura 3 febbraio, 2012, 16:11

    ma la tua vecchia pediatra è tipo tua zia? no perchè di pediatri così forse si trovano nel paesino natale di mia nonna dove il pediatra è anche dentista per intenderci.
    io la mia pediatra l’ho sentita sentendo pareri in giro e l’ho scelta perchè non da medicine con molta facilità. Io sono dell’idea che i bambini non debbano essere seguiti dal medici di base, secondo me non sono abbastanza abituati a trattare patolgie infantili.
    cmq un grande in bocca al lupo e un pat pat per la dolorosa separazione

    Reply this comment
  19. cinzia
    cinzia 3 febbraio, 2012, 17:01

    nella mia città (50.000 abitanti) ci sono 7 pediatri. c’è il pool superquotato delle 4 wonder woman riunite: inutile a dirsi, fila d’attesa per entrare. poi ci sono gli altri 3 riuniti anche loro. io sono da uno degli altri 3. l’ho scelto (tra i 3) perchè l’aveva anche mia cognata e si trovava bene. mi trovo bene anch’io: non è superprotettivo superparanoico superapprensivo. è normale. ma OVVIAMENTE non viene a casa. e se non spergiuro che hanno la febbre alta da almeno 48 ore non mi da l’appuntamento neppure in ambulatorio. ma sono contenta ugualmente. ho sempre seguito i suoi consigli e non mi sono mai trovata male. anche secondo me passare sotto il medico di base dai 6 anni è presto…ma io ho l’asso nella manica! il mio medico di base è pediatra 😉

    Reply this comment
  20. bismama 2.0
    bismama 2.0 3 febbraio, 2012, 18:09

    Ok, rispondo random perché sono riuscita a collegarmi solo ora causa Koalite che ha colpito Second. Mi state invidiando eh??
    Non pensavo di essere davvero davvero così fortunata. Cioè lo so che i pediatra vari non fanno visite a domicilio ma io in otto anni di mammità non ho mai chiamato la guardia medica… MAI! E spero di non doverlo fare mai perché, parliamone, so che comunque è il trampolino di lancio dei neo laureati. Che, ok, devono fare la loro esperienza ma magari su di me ok, sui nani anche no. Ecco.
    La pedi non è mia zia e non è nemmeno una dentista (Lollissimo) è solo una che adora il mestiere che fa e lo fa con passione, cosa anche difficile da trovare. Purtroppo, aggiungerei.
    Ora cercherò… ma mi avete illuminata. Il coro dei NO al MDB mi ha convinta. Ok. Pediatra per entrambi. E olè!

    Reply this comment
  21. scleros
    scleros 3 febbraio, 2012, 18:31

    assolutamente pediatra.
    Nella speranza non si evidenzino problematiche nella crescita..dell’ASL, altrimenti privato!

    Reply this comment
  22. Francesca
    Francesca 3 febbraio, 2012, 19:07

    Ciao Serena,
    io ho diversi amici medici e mi feci consigliare da loro quale fosse il pediatra migliore. Diedi loro tutto l’elenco completo e poi ne scelsi uno fra i tre che tutti mi avevano consigliato. Non è molto vicino a casa ma non mi interessa, piuttosto impiego 20 minuti in più per arrivare all’ambulatorio ma so che ne esco tranquilla. Anche il parere di altre mamme certo non è da sottovalutare ma se ne hai la possibilità, vuoi mettere avere il parere di chi è del settore? Se non hai amici medici, puoi chiedere ad amici di amici o a medici con i quali hai avuto a che fare e di cui ti fidi.
    E poi concordo con te, i bambini devono andare dal pediatra. Punto.

    Ciao e complimenti per il blog, sei brava.

    Reply this comment
  23. destinazioneestero
    destinazioneestero 3 febbraio, 2012, 22:41

    Fino a qualche anno fa ho abitato in provincia di Bergamo. Lì c’è carenza di laureati e soprattutto di pediatri. Risultato: appena nate le mie figlie non avevano il pediatra ma erano con il mio medico di base. Un disastro! Come si potevano fare i controlli della crescita? Non aveva neanche la bilancia nel suo studio! Quindi mi pagavo le visite in ospedale oppure privatamente da un pediatra di un paese vicino. Dopo varie insistenze con la ASL di Bergamo mi hanno assegnato un pediatra a 10 km di distanza e ne sono stata felicissima, anche se non è mai stato a casa nostra, ma ho sempre portato da lui le bimbe anche con la febbre e la polmonite. Insomma, questo per dirti che non rinuncerei mai al pediatra.

    Reply this comment
  24. sorairo
    sorairo 4 febbraio, 2012, 09:09

    Io direi di no ai bambini al medico di base. quel dottore è creato per gli adulti e uno che curi bene anche gli adulti è raro.
    Per quel che mi riguarda la mia pediatra è brava a a dispedtto di altre che hanno le mie amiche o di quelle citate due numero fà sul mensile DOnna&Mamma. Il piccolo lo visita in ambulatorio anche per cose lievi, la posso chiamare a un’ora precisa al mattino e poi durante le visite se abbiamo problemi. Li tratta con cura e ci dà buoni consigli. Che io rispetto al 99%. Non sopporto quando certe mamme che conosco se ne infischiano dicendo che ma che”vorrai mica ascoltare la pediatra! è pazza! Non faccio quel che dice”! Si però poi correte se stanno male, credo… ma seguire le norme di buon comprtamento guai!
    Non fà le visite a domicilio e il piccolo non ha mai avuto problemi, ma so che c’è il servizio di pronto soccorso di Camposampiero che è rinomato ed ho dei numeri appositi che mi ha dato per chiamare nel weekend.
    PErò già pediatri ce ne sono pochi e capisco che vogliano alleggerire la loro mole di lavoro perchè ce ne saranno sempre meno. Ma se i pediatri ci sono i motivi pure. Tutelare i bambini nella salute.

    Reply this comment
  25. bismama 2.0
    bismama 2.0 4 febbraio, 2012, 10:48

    @Francesca: grazie
    @sorairo: si in effetti c’è questo trend di portare i bimbi dal pediatra per poi catalogare i suoi consigli come cazzate. Mah!!! Neanche io li condivido. Piuttosto ho scelto a prescindere la pediatra che fosse più vicina alla mia linea di pensiero. Ora, con la prossima, speriamo bene.

    Reply this comment
  26. sorairo
    sorairo 7 febbraio, 2012, 18:33

    @bismamma 2.0 guarda.. somo fantastiche.. Il figlio ha 38 corrono dalla pediatra. LA pediatra dice che l’uovo lo può mangiare a 12 mesi sennò ci deve essere una certa oservazione di alcune regole e allora “ma chissefrega glielo dò lo stesso” oppure “ma diamogli latte di mucca tanto non spendo troppo e non muore”… Non mi intrometto perchè odierei che altri si facessero i fatti miei come troppo fanno i mie parenti, anche i bambocci minorenni o poco meno che fanno parte del parentame stretto del piccolo. Per cui non fare agli altri ciò che non vuoi iua fatto a te. Anche se te lo fanno comunque, per lo meno cerca di resistere (riferito al parentame, che oggi mi ha lanciato un’altra chicca per cui incazzarmi)

    Reply this comment

... oppure con Wordpress

Your e-mail address will not be published.
Required fields are marked*