Piccoli disegnatori (geek) crescono

Lui e Lei (parlo dei piccoli) hanno due caratteri veramente diversi.
Uno è più tranquillo, ama leggere in silenzio e gli piace maneggiare gioiellini tecnologici.
L’altra è vulcanica, ama i libri colorati che si possono raccontare ad alta voce indicando immagini e disegni, anche a lei piacciono le cose hi tech (buon sangue non mente) ma le piace moltissimo anche colorare e disegnare. Sta completando più della metà degli album comprati quando Francesco era più piccolo nel vano tentativo di stimolarlo a usare i colori; a lui piace scrivere storie lunghissime ma non colorare o disegnare.
Questo finché non ha avuto per le mani una tavoletta grafica. Quella è stata la svolta.
Quando poi è arrivata la Nintendo 3DS con il suo pennino e la possibilità di ritoccare le foto disegnandoci sopra, anche Francesco ha cominciato a voler disegnare e ha migliorato di molto il tratto rispetto al passato. Anche perché disegnare su una tavoletta grafica è più complesso rispetto al disegno su foglio. Quindi passare dal digitale alla matita è tutto in discesa.
A volte si tratta solo di trovare la strada giusta no?

L’ultima spinta è arrivata da Pokémon Art Academy. Si tratta della versione a tema Pokémon della famosissima serie Art Academy che consente ai piccoli disegnatori di imparare a dipingere, abbozzare e disegnare attraverso 40 lezioni durante le quali saranno accompagnati dai loro Pokémon più amati – anche quelli di Pokémon X e Y.
Oltre a imparare a disegnare, Francesco sta imparando a conoscere la cassetta degli attrezzi del disegnatore: matite, pastelli, colori e gli aerografi dei quali ignorava l’esistenza.

Oltre a imparare a disegnare, Francesco sta imparando a conoscere la cassetta degli attrezzi del disegnatore: matite, pastelli, colori e gli aerografi dei quali ignorava l’esistenza.

Un’altra cosa che mi piace molto è che tutti i disegni possono poi essere raccolti e salvati in un album digitale, come una vera collezione personale di “carte personaggio” aventi come illustrazione i disegni dei bambini, insieme alla loro firma.
Da qui la scelta: condividere i disegni in locale con altri giocatori di Pokémon Art Academy, o pubblicarli nel Miiverse (il social network targato Nintendo) per mostrare al mondo i capolavori?
Il volerli e il poterli mostrare agli altri porta i bambini – almeno nel caso di Francesco è così – a cercare di migliorare le tecniche e i risultati. Inoltre cominciano a capire il senso della community e dei social network grazie allo scambio di suggerimenti che si può fare tramite Miiverse.

Pokémon Art Academy si può avere in esclusiva sulle console Nintendo 3DS e Nintendo 2DS, e si può acquistare nei negozi o in versione digitale nel Nintendo eShop.
A noi è piaciuto. E voi, siete curiosi di provarlo?
Beccatevi il video!

 

 

Articolo Sponsorizzato

_________________________________________________________________________
Vuoi rimanere aggiornata sulle novità del blog? Iscriviti alla Newsletter.

Se ti va seguimi anche su Facebook e Twitter.
Per divertirti con me ogni giorno e curiosare un po’ nella mia vita passa a trovarmi su Instagram.

Categories: Recensioni, Sponsored Post

Commenta con Facebook...

commenti

... oppure con Wordpress

Your e-mail address will not be published.
Required fields are marked*