#SDBAwards: sorrisi, persone e competizione

Battle RoyaleLasciare la nebbia e il sole a Brindisi e ritrovarli a Bologna. E arrivare con un’ora di ritardo.
Riabbracciare Sara, Flavia e conoscere di persona Luisa, Rudy, Andrea, Veronica, il Geometra, Chiara, Giovanna, Elena, Luigi, Andreas, Jessica, Valentina… e un sacco di altre belle persone.

941303_10151892649962870_1725829055_n

1383628_10151892640632870_1364940994_n

1379749_10151892639892870_1093194319_n

1383165_10151892640557870_1368965588_n
Dare un volto tridimensionale a quelli che fino a pochi giorni fa erano solo un avatar e una voce via Skype.
Conoscere un sacco di gente, riderci insieme, incitarci a vicenda come dei tifosi assetati di vittoria. Passeggiare e parlare di gossip (che pare che Raoul Bova sia davvero gay e che il suo compagno sia altamente discutibile… notizie che si reggono solo con uno Spritz in una mano e un pezzetto di parmigiano con l’aceto balsamico nell’altra).

1381805_10151892641707870_863602702_n

537881_10151895096977870_1692387370_n

14170_10151895099762870_1902747339_n

Battle Royale2

1385580_10151892642362870_503664088_n

1385748_10151892640762870_631159074_n
Ridere, fare foto e guardarsi negli occhi.
Assaggiare lo gnocco fritto.
Ascoltare quattro donne che parlavano con passione e amore per il proprio lavoro e per le persone.

67060_10151895095432870_1548219446_n

Respirare competizione e affogarla nel lambrusco.
La foto di classe. Le foto di classe.

SDBAWARDS

971516_10151892643402870_12007992_n

644493_10151892639557870_1512466192_n

998294_10151892645447870_203384873_n

L’effetto ipnotizzante de La Casa della Musica.
Il leoncino Sergio e il suo profilo facebook.
Mangiare la pizza davanti al pc a lavorare. Fino alle 2.
Guardare Parma come un giapponese impegnato a fotografare anche i posacenere e a fare selvaggiamente check in ovunque.
Una cena lunghissima, tanto lambrusco.
Quattro ore di sonno a notte.
Una litigata nel parcheggio coperto. Una rissa scampata.
Un (piccolo) incidente in auto.
Un sacco di accenti diversi.
Infiniti “ma tu sei Serena? Sei così diversa dalla foto su Facebook!”.
I complimenti di Andrea Girardi, ma anche di altre persone.
Una pioggia di soddisfazioni.
Una pioggia di sorrisi.

74525_10202105376826184_344735928_n

1384390_10202105372026064_1848760807_n

Conoscere la verità sulla composizione del corpo umano: “Siamo fatti al 70% di pasta e salama da sugo” (cit. Rudy Bandiera).
Presentare all’Italia (in streaming) uno dei progetti più amibiziosi: #VerdiMuseum. E lasciarsi affascinare da quelle note come fossero carezze.
Un’infinita attesa in aeroporto durante la quale un essere discutibile ha cercato di avvicinarsi ma grazie a un gentilragazzo (non era ancora classificabile come Uomo) me ne sono liberata e ho passato quelle lunghe ore in compagnia a chiacchierare.
Non in un mese. In tre giorni.
Un’esperienza bellissima e totalizzante. Frutto di un’idea e del networking che nasce grazie alla rete. Una rete fatta di persone, pensieri, emozioni, occhi, affetto, colore, competenze e scambio.
Una rete in cui, difficilmente non rimani intrappolata.

Le foto sono di Gianni Forlastro (fotografo ufficiale dei tre giorni). Le ultime due di Roberta Puglia.
Io non avevo con me la bridge causa valigia che faceva a cazzotti con Ryanair, ma di questo ne parliamo in un altro post.

_________________________________________________________________________
Vuoi rimanere aggiornata sulle novità del blog? Iscriviti alla Newsletter.

Se ti va seguimi anche su Facebook e Twitter.
Per divertirti con me ogni giorno e curiosare un po’ nella mia vita passa a trovarmi su Instagram.

Categories: Workaholic

Commenta con Facebook...

commenti

Commenti

  1. Federica MammaMoglieDonna
    Federica MammaMoglieDonna 29 ottobre, 2013, 10:57

    BRAVISSIMI!!!

    Reply this comment
  2. Sara Salvarani
    Sara Salvarani 29 ottobre, 2013, 11:07

    Amore mi manchiiiiiiiiiiii! Ah, la macchina è già a posto.

    Reply this comment
    • Serena
      Serena Author 29 ottobre, 2013, 11:56

      Anche tu!!! 🙂 E per la macchina che ti dicevo? Più che altro lo stronzo è quello che non s’è fermato ed è scappato a gambe levate. Gretino!

      Reply this comment
  3. dan8
    dan8 29 ottobre, 2013, 11:14

    Devi ancora metabolizzare il gossip, eh! ;-D

    Reply this comment
    • Serena
      Serena Author 29 ottobre, 2013, 11:55

      Dani lascia perdere. Sono ancora sconvolta. Aggiornami appena hai degli update ok? 🙂

      Reply this comment
  4. firmatocarla
    firmatocarla 29 ottobre, 2013, 11:16

    Che bella questa avventura! Sei bravissima a raccontarla, sembra quasi di essere dentro quelle sensazioni…fantastica!

    Reply this comment
  5. Moky Sempre MammaMoky
    Moky Sempre MammaMoky 29 ottobre, 2013, 12:50

    Che bella esperienza. Si dice che Raynair permetterà di portare anche la borsa personale oltre il bagaglio a mano…sperem
    Ma di Roul sei sicura???

    Reply this comment
  6. Perla
    Perla 29 ottobre, 2013, 12:57

    Bellissimo

    Reply this comment
  7. Andre
    Andre 29 ottobre, 2013, 13:09

    Metterele persone al centro, regalare un sorriso e applicare al busines é la cosa piú efficace e produttiva che esista. Quanto serve per vincere ogni sfida. E i complimenti te li sei guadagnati tutti.

    Reply this comment
  8. Cristina
    Cristina 29 ottobre, 2013, 16:36

    Vi ho seguite qua e là e invidiate un po’…. pochino, pochino..invidia buona, quella verde tenero 🙂

    Reply this comment

... oppure con Wordpress

Your e-mail address will not be published.
Required fields are marked*