Il lievito di riso rosso: un alleato contro il colesterolo

lievito di riso rosso

È stato scoperto negli scaffali delle farmacie solo negli ultimi decenni, ma il lievito di riso rosso è apprezzato per le sue potenti proprietà medicinali da centinaia di anni.
Noto come uno dei migliori rimedi naturali per abbassare i livelli di colesterolo, il lievito di riso rosso è uno dei pochi integratori naturali che contengono principi attivi praticamente identici a quelli che si trovano nei farmaci da prescrizione.

I benefici del lievito di riso rosso si estendono oltre la correzione dei livelli di colesterolo; infatti, recenti studi hanno consentito di dimostrare che può anche giovare all’infiammazione, alla sindrome metabolica, ad abbassare i livelli di zucchero nel sangue e per tanto altro ancora.
Si tratta tra l’altro di una sostanza priva di i effetti collaterali anche se delle
raccomandazioni in merito al dosaggio sono comunque da considerare.

Cos’è il lievito di riso rosso

Il lievito di riso rosso è un prodotto fermentato e che si presenta con una specie di muffa.
Per secoli è stato usato nella medicina tradizionale cinese per le sue potenti proprietà benefiche per la salute.
Contiene la monacolina K composta ovvero lo stesso principio attivo presente nei medicinali che servono per abbassare i livelli di colesterolo come ad esempio la lovastatina.
Per questo motivo, il riso in oggetto viene spesso usato come alternativa ai farmaci costosi e allo scopo di aiutare non solo a ridurre i livelli di colesterolo nel sangue ma anche il cuore.
La ricerca ha tra l’altro dimostrato anche altri effetti benefici, che vanno dalla riduzione della crescita delle cellule tumorali al miglioramento dei livelli di zucchero nel sangue e dell’insulina.

Il lievito di riso rosso migliora la salute del cuore

Le cardiopatie sono una condizione grave che colpisce milioni di persone nel mondo e si stima che rappresentino il 31,5% dei decessi. Il colesterolo alto è uno dei principali fattori di rischio per le malattie cardiache e può causare un arretramento e irrigidimento delle arterie, con conseguente aumento del rischio di infarto e ictus.
Il lievito di riso rosso è comunemente usato come rimedio naturale per abbassare i livelli di colesterolo e per migliorare la salute del cuore , e con effetti collaterali minori rispetto ai farmaci prescritti per il trattamento del colesterolo alto.

Questo cereale può anche ridurre i trigliceridi e la pressione sanguigna quando viene combinato con le statine.

Il lievito di riso rosso aiuta a trattare la sindrome metabolica

La sindrome metabolica è un insieme di condizioni che aumentano il rischio di malattie croniche, come quelle cardiache, diabete e ictus.
Alcuni dei criteri per la sindrome metabolica includono ipertensione, eccesso di grasso corporeo , aumento della glicemia e alterazioni dei livelli di colesterolo o trigliceridi.
Diversi studi hanno scoperto in tal senso che il riso rosso fermentato può aiutare a trattare alcuni di questi fattori di rischio e quindi potrebbe essere usato come trattamento naturale e a scopo preventivo.
A margine bisogna aggiungere che seppur non ci siano effetti collaterali degni di essere segnalati, è altresì doveroso sottolineare che dei problemi potrebbero verificarsi in alcuni soggetti come ad esempio nelle donne in stato di gravidanza o di allattamento, nei bambini e negli adolescenti, cosi come negli ultra settantenni e nelle persone che lamentano patologie renale, malattie muscolari o ipotiroidismo.
Anche i soggetti affetti da malattie al fegato e persone trattate con farmaci che interferiscono con il metabolismo lipidico e le statine potrebbero incorrere in controindicazioni, per cui l’utilizzo del riso rosso e degli integratori che ne contengono il suo lievito devono essere prescritti da un esperto medico-dietologo.



Vuoi rimanere aggiornata sulle novità del blog? Iscriviti alla Newsletter. Se ti va seguimi anche su Facebook e Twitter. Per divertirti con me ogni giorno e curiosare un po’ nella mia vita passa a trovarmi su Instagram.

Categories: Food

Commenta con Facebook...

commenti

... oppure con Wordpress