Feste di carnevale e cose che no

Due casi: o io ho una percezione distorta del concetto di normalità e di contestualizzazione, oppure, ho un potere calamitante per la gente strana.
Festa di carnevale. Poco meno di 100 bambini energizzati con lo ionizzatore più circa trenta animatori che mettono a repentaglio la vita minuto per minuto.

E niente, c’è che ho visto cose.
Come alcuni genitori vivono le feste per bambini rimane per me sempre un mistero.
No ma veramente. Non scherzo.
Ogni volta che torno da una festa dei bambini c’ho i criceti impazziti nella scatola cranica. È snervante. Solo che non arrivo a una conclusione degna di questo nome. E questo è ancora più snervante. Non se ne esce!
Io e Lui eravamo in giro in questa mega sala, separati. A ognuno toccava tenere d’occhio un nano. Poi, però, ogni tot avevamo appuntamento in un punto preciso. Il motivo: scambio di vedute e segnalazione di stranezze varie presenti nella sala. In una parola spetteguless.
È che c’era talmente tanto materiale da perderci la testa. E anche il fiato, perché insieme abbiamo riso un casino. Perché a ridere da soli non c’è gusto, ti impegni poco.
Feste di carnevale

I motivi?

Cioè, tipo, se esci di casa per andare a una festa in maschera in cui l’età media è otto anni e l’altezza media non supera il metro e cinquanta, perché (perché?) indossi una scollatura inguinale? Perché costringi i tuoi vicini di sedia a ispezionarti l’ombelico attraverso il décolleté? E soprattutto, perché non hai calibrato tutto sulla misura delle tue tette? Che poi ti vengono i dubbi tipo “ma esiste l’ottava coppa Z”? E passi la sera a chiedertelo. Finché non noti quella mamma che, per età, altezza e abbigliamento, si confonde con la figlia dodicenne, travestita da… ehm… come si chiama… ah si escort! (la figlia eh! La mamma non era travestita, era così nature). E la insegue per tutta la sala per ritoccarle il rossetto, sistemarle la mini e darle suggerimenti sulle pose da acchiappo. Dodici anni. Fra nemmeno tre sarà una professionista. Che amarezza.
L’ultima chicca è quella che (nonostante la dolce metà presente) parcheggia il nano in braccio all’animatore e poi cerca qualcuno con cui improntare una discussione flirtereccia e ocheggiante. Siamo sotto San Valentino. Mi sembra pure giusto; chiamatela benevolenza.
In ogni caso, grazie ai casi patologici, io e lui, nonostante avessimo appeso al chiodo lo scettro di animatori della festa, abbiamo avuto di che divertirci. Filosofie distorte.
Feste di carnevale2 Ma anche i nani. Tolto il costume, grazie all’effetto serra, erano dimagriti di almeno sei kg in due. Ma quando il riscontro è un addormentamento in modalità pit stop, tutto ciò che lo induce è benvenuto.
Feste di carnevale3
Ci aspettano altre feste nanesche. Ma anche roba divertente per noi due: è l’ora del CosPlay (do you know?) e stiamo escogitando cosa indossare. Festa in maschera con travestimento a coppia (lui&lei a tema).

Ovviamente, adults only. Che è sempre un’ottima premessa! Ghghghghgh.
______________________________________________________________________

Comunicazione di servizio (dlin dlon):
domani è San Valentino ma è anche l’ I Love You (not)! day. Ho ricevuto bigliettini carinissimi. Ma avete tempo fino a stasera per inviarmene qualcun altro. Io e Maghetta aspettiamo eh! :).




Vuoi rimanere aggiornata sulle novità del blog? Iscriviti alla Newsletter.

Se ti va seguimi anche su Facebook e Twitter.
Per divertirti con me ogni giorno e curiosare un po’ nella mia vita passa a trovarmi su Instagram.

Categories: Uncategorized

Commenta con Facebook...

commenti

Commenti

  1. bismama 2.0
    bismama 2.0 14 Febbraio, 2012, 12:06

    @Anonimo/18:00: cioè… ci ho impiegato più di dodici ore per capire. Invidia per le tette misura ottava coppa Z? Mhuahahahaha per le mie proporzioni avrei bisogno di un carrello della spesa per portarle a spasso!! ^_^

    @Miah: e se ci fosse stato un circo nei paraggi?

    Reply this comment
  2. Miah[Misia'sMum]
    Miah[Misia'sMum] 13 Febbraio, 2012, 20:03

    alla festa di carnevale dell anno scorso c’erano due bimbi vestiti da tigri. e le loro mamme vestite da leopardi. LEOPARDATE dalla testa ai piedi. in minigonna leopardata, CALZE LEOPARDATE, stivali al ginocchio, PELLICCIOTTO LEOPARDATO.

    ah, la festa era per bimbi 0-6 anni

    non c’erano neanche i babbi da cuccare, mi chiedo ancora che ci facevano li O.o

    Reply this comment
  3. Anonymous
    Anonymous 13 Febbraio, 2012, 19:00

    Sento una punta di invidia nelle tue parole.
    F.

    Reply this comment
  4. Lisa
    Lisa 13 Febbraio, 2012, 18:59

    Non pensavo che alcune donne potessero scendere all’acchiappo anche alle feste dei bambini… dovrò ricredermi.

    Reply this comment
  5. Anonymous
    Anonymous 13 Febbraio, 2012, 18:38

    @bismama: ma alcune mettono davvero le tette in mostra come fossero piantine. È che devi stare attenta a dove ti trovi no?

    Reply this comment
  6. bismama 2.0
    bismama 2.0 13 Febbraio, 2012, 16:48

    @Anonimo: esatto. Il contesto era diverso. non sono una che si scandalizza… alle feste di Carnevale per adulti si vede di tutto e mi diverte parecchio. Il fatto di andare fuori ad una festa per bambini mi da un po’ di nausea…
    Comunque “i geranei in mostra” mhuahahahaha

    Reply this comment
  7. Anonymous
    Anonymous 13 Febbraio, 2012, 16:43

    Anche io, come piccola mamma, sono sui carri allegorici durante il Carnevale della mia città (uno dei più famosi d’Italia) però ai carri magari non mi scandalizzo. Penso che tu voglia descrivere una situazione diversa: il contesto della festa PER bambini non prevede la scollatura a balcone con i geranei in mostra.

    Reply this comment
  8. piccola mamma
    piccola mamma 13 Febbraio, 2012, 16:41

    io e il mio compagno sfiliamo con i carri allegorici.. e durante le sfilate buttando coriandoli e ballando ne vediamo di cotte e crude.. soprattuto donne che in pieno freddo e in mezzo alla strada hanno tacco 20 e gonna 5 cm..
    zizze di fuori e quantaltro!!!!!!!!!!!!!!!!! che amarezza..

    Reply this comment
  9. bismama 2.0
    bismama 2.0 13 Febbraio, 2012, 16:31

    @El_Gae: eh eh eh… verifica prima la lista!

    @Mama Ci: il cosplay parte dai manga ma si espande a molto altro. Io non amo il manga, per esempio. Ma ci stiamo attrezzando diversamente 🙂

    @lea: eh! Tutto il mondo è paese! Ma che tristezza 😉

    @mela: no vabbè ma è ovvio. Le riunioni della scuola sono roba raffinata a confronto però mi fanno scompisciare che non puoi capire. Anzi si!

    Reply this comment
  10. mela
    mela 13 Febbraio, 2012, 16:11

    Io mi stupisco di certi genitori anche alle riunioni del nido….
    Pensa come sto messa! 🙂

    Reply this comment
  11. lea bijoux
    lea bijoux 13 Febbraio, 2012, 15:00

    che ridere….! e vedo che quindi non solo qui succedono certe cose… 🙂

    Reply this comment
  12. Mamma Cì
    Mamma Cì 13 Febbraio, 2012, 14:40

    è la prima volta che sento parlare di cosplay, sono proprio out! sai ma la mia città è piccola e avanti che arrivino queste cose moderne…..però l’unica volta all’anno in cui puoi vedere personaggi manga in giro per la mia città è per halloween durante i Comix! Una figata!! 😉

    Reply this comment
  13. El_Gae
    El_Gae 13 Febbraio, 2012, 14:32

    Mi hai dato un buon motivo per accettare le feste di Carnevale che, normalmente, evito come la peste… Chissà che non si incontri qualche coppa z in vena di esibzionismo 😉

    Reply this comment

... oppure con Wordpress