Inutile lottare contro il fato

First, in preda alla sindrome di Pollyanna, era felice che io avessi sbagliato giorno della festa di compleanno dell’amichetto del cuore“così era oggi e non ieri”!
Quando la sfiga si accanisce, però, è inutile lottare.
La festa era alle 18.00.
Alle 16.30 a First viene la febbre. Da manuale.
Murphy docet: Se le cose possono andare male, lo faranno.
In questi momenti mi sento tanto la sua musa.

Sarà stato il troppo peregrerinare senza rotelle della bici?

Aggiornamento:
Svuotando lo zaino della scuola ho trovato un invito per un’altra festa… domani. Doppio argh.
Un corollario della Legge di Murphy di cui sopra dice:
Se le cose possono andare peggio, lo faranno.
Lo sappiamo.


Vuoi rimanere aggiornata sulle novità del blog? Iscriviti alla Newsletter.

Se ti va seguimi anche su Facebook e Twitter.
Per divertirti con me ogni giorno e curiosare un po’ nella mia vita passa a trovarmi su Instagram.

Categories: My life

Commenta con Facebook...

commenti

Commenti

  1. michi
    michi 20 Aprile, 2010, 00:22

    non per dire, ma quando sbagli il primo bottone poi li sbagli tutti…:)
    io sono cintura nera di sfiga, posso inimicarmi il fato per secoli, quindi capisco first, povera stella!!!
    Adesso devi mandarlo a tutte tuttissime le feste del mondo, pure alla sagra del minatore… alla festa del bue muschiato, alla festa dei piedi piatti ecc…

    Reply this comment
  2. bismama 2.0
    bismama 2.0 19 Aprile, 2010, 20:07

    @Mammalellella: La Pollyanna questa volta l’ha fanculizzata. Voleva andarci anche se febbricitante! Arrrgh

    Reply this comment
  3. mammalellella
    mammalellella 19 Aprile, 2010, 19:46

    nooooooooo!! povero, povero, non è giusto!!!
    ps. ma la Pollyanna che è in lui come la vede?

    Reply this comment
  4. bismama 2.0
    bismama 2.0 19 Aprile, 2010, 18:45

    Troppissimoooooooooo.
    Me tapina!

    Reply this comment
  5. Marlene
    Marlene 19 Aprile, 2010, 18:44

    noooooooooooooo ha perso entrambe le festicciole…troppo crudele, troppo!!

    Reply this comment

... oppure con Wordpress