Tornare a casa dall’ospedale con il bambino, niente paura!

Tornare a casa dall’ospedale con il bambino

Il momento del parto sa essere ricco di gioie e di paure, perché si tratta di un’occasione che sa come dividere in due il cuore.
Sappiamo tutte benissimo di come si tratti di un mix di sensazioni uniche e straordinarie, in grado di esaltarci e intimorirci contemporaneamente e che non sembrano passare nemmeno quando si torna a casa con il proprio bambino dall’ospedale.
Essendo quindi un momento così delicato, una mamma può apprezzare l’aiuto di chi ci è già passato.

Portare il bimbo a casa: gli accorgimenti necessari

Il primo step è sicuramente capire come organizzarsi per portare a casa il bimbo dall’ospedale.
Innanzi tutto quindi, bisogna come pensare a come proteggere il neonato dagli sbalzi di temperatura, vestendolo nel modo giusto e pensando a un outfit corretto: una tutina in ciniglia e a un berrettino se le temperature sono particolarmente rigide per esempio.
In secondo luogo, attenzione a non dimenticare anche le copertine in pile, davvero utili in questo momento perché sapranno come tenerlo al calduccio.

Una volta dotato di tutti gli accessori necessari, potete sistemare il piccolo nella navetta. Il suo utilizzo è fondamentale, perché il neonato se portato in braccio sarebbe maggiormente esposto al freddo e ai batteri.
Naturalmente, in auto servirà prendere ogni accortezza necessaria per garantire la sicurezza del piccolo passeggero, come le cinture, mentre alla mamma toccherà sedergli accanto, in modo tale da non perderlo mai di vista.

Preparare la casa per il nuovo arrivato in famiglia

Una volta tornati finalmente a casa, superato lo scoglio del trasporto ci si comincia a sentire meglio e a proprio agio.
Di contro, bisogna essere previdenti e far sì che – già in questo momento – ogni cosa sia già al proprio posto.
Se ci si è dimenticati di fare scorta di qualcosa, però, non serve per forza uscire di casa: è sconsigliabile farlo giusto in questi giorni, quando il bimbo ha bisogno della presenza costante dei genitori.
Fortunatamente molti prodotti della categoria “bambino e mamma” della farmacia possono essere acquistati anche su portali online, facendoseli consegnare a casa in giornata.
Quali oggetti servono? Pannolini e creme da tenere sempre a portata di mano vicino al fasciatoio, del sapone di Marsiglia neutro per pulirlo le prime volte e l’amido di riso per il bagnetto. Nei mesi più freddi, è importante non dimenticare di dotarsi anche di un aspiratore nasale insieme a della soluzione fisiologica. Qualora inoltre non sia possibile allattare al seno, non dimenticata di prendere un buon tiralatte o magari affittatelo dalla farmacia. I primi giorni potrebbe tornarvi utile in diverse situazioni.
In ultimo, non dimenticate una crema naturale per prevenire le ragadi oppure affidatevi ai para capezzoli in argento.

Cosa fare per la mamma

Anche la mamma ha bisogno di attenzioni, soprattutto perché ci sono tantissime energie da recuperare. Anche se abbandonare il piccolo può essere un trauma, una neo-mamma deve stare attenta a sapersi concedere una sana dormita e affidare questo compito al papà o ai parenti.
Durante i primi giorni, in cui noi donne abbiamo particolare bisogno di riprenderci, è una buona abitudine affidare a loro anche la preparazione dei pasti, in modo da permetterci di recuperare al meglio le forze.
Per quanto riguarda i compiti del papà, il partner deve diventare una figura totalmente interscambiabile con la mamma.

Molte donne pensano che, superato il parto, il difficile sia alle spalle: in parte è vero, soprattutto se riuscirete a organizzare al meglio il vostro ritorno a casa.



Vuoi rimanere aggiornata sulle novità del blog? Iscriviti alla Newsletter. Se ti va seguimi anche su Facebook e Twitter. Per divertirti con me ogni giorno e curiosare un po’ nella mia vita passa a trovarmi su Instagram.

Categories: Maternità

Commenta con Facebook...

commenti

... oppure con Wordpress