Una mamma in prima elementare ovvero le riunioni scolastiche

Io non tollero che mia figlia venga graffiata da un bulletto di 6 anni e se lo fa un’altra volta denuncio i genitori!
Perche’ non e’ vero che alla base di ogni disagio ci sono i genitori. Ci sono anche bambini particolarmente ribelli!
E se chiedessero solo attenzione?
Il problema e’ che lanciano le penne per aria, si tirano i libri e potrebbe anche finire male, i genitori, spesso non intervengono se non a problema esistente, o peggio, a catastrofe avvenuta.
Wow che ottimismo. Ma sono bambini di sei anni mica dei soldatini.
La mia e’ delicata e se non le va di mangiare a mensa, meglio non forzarla!
Ma cosi’ si butta via quasi tutto il suo pranzo!
Non importa. Mangera’ quando tornera’ a casa.
Potrebbero applicarsi di piu’.

Ma qualcuno dei vostri bambini soffre di incontinenza? Stiamo pensando di fare una succursale dell’aula nei cessi del primo piano! Che se poi vogliono andare in bagno e non ce li mandiamo succede un disastro, se invece li mandiamo, ci stanno un quarto d’ora, intasano i water e perdono pezzi di lezione, va bene!

E no che non va bene che abbiano i compiti! Stanno a scuola 8 ore e quando tornano a casa DEVONO essere liberi anche nel week end! Che senso ha assegnare i compiti quando imparano tutto in classe?

Ah il mio sa già tutto!
E comunque, per imparare a leggere, a scrivere o a fare i conticini c’e’ sempre tempo! Vivere in una comunita’ di persone e avere una condotta basata sulle principali regole di convivenza, e’ essenziale per imparare a crescere. Il principale compito della scuola e’ accompagnare i virgulti affinche’ vengano fuori dritti e dotati di spina dorsale.
I maleducati e i rammolliti non ci piacciono!
Ora ecco le pagelle…firmatele e restituitele. Grazie!
Hanno aderito anche:

Partecipa anche tu.

Twitta una tua riflessione sulla scuola italiana usando gli hashtag #bloggingperlascuola #scuolaitaliana




Vuoi rimanere aggiornata sulle novità del blog? Iscriviti alla Newsletter.

Se ti va seguimi anche su Facebook e Twitter.
Per divertirti con me ogni giorno e curiosare un po’ nella mia vita passa a trovarmi su Instagram.

Categories: My life

Commenta con Facebook...

commenti

Commenti

  1. labiondaprof
    labiondaprof 13 Aprile, 2011, 00:47

    Non sono su Facebook: ti leggo spesso e ho pensato di lasciare qui il mio post:

    Grazie e ciao

    Reply this comment
  2. bismama 2.0
    bismama 2.0 12 Aprile, 2011, 21:57

    @trilly: io con le maestre del nano mi ci trovo bene. Nonostante tutto trovo che molti genitori, alle riunioni, facciano venire a galla il loro lato peggiore!!!

    Reply this comment
  3. trilly
    trilly 12 Aprile, 2011, 19:09

    se dovessi essere presente ad una riunione, come quella che hai descritto tu, scapperei a gambe levate e cambierei scuola ai miei figli.
    esistono progetti educativi e di apprendimento in scuole simili o si parla di nulla e maleducazioni ogni volta?
    e gli insegnanti che vivono la professione con passione e dedizione dove sono finiti?
    Ho due figlie, una alle elementari, l’altra alle medie, ma non ho mai dovuto assistere a simili riunioni.
    Quindi anche il concetto di “scuola italiana” è del tutto soggettivo perchè parte dall’esperienza personale.

    Reply this comment
  4. Bea
    Bea 12 Aprile, 2011, 16:46

    Io sono un’insegnante e mi ritrovo spesso nelle situazioni che descrivi tu: “mangerà dopo a casa” allora non lamentiamoci quando vediamo le nuove generazioni plasmate dal consumismo!
    Bea

    Reply this comment
  5. serenamanontroppo
    serenamanontroppo 12 Aprile, 2011, 13:06

    Non sono su FB e non posso unirmi per questo alla pagina indicata, ma ho aderito anch’io all’iniziativa con un post sul mio blog: http://serenadinomemanondifatto.blogspot.com/2011/04/cosi-e-se-vi-pare.html

    Reply this comment
  6. Anonymous
    Anonymous 12 Aprile, 2011, 12:21

    A volte la rovina della scuola sono dei genitori che non collaborano con il lavoro delle maestre, anzi, lo ostacolano da casa!

    Reply this comment

... oppure con Wordpress