Visitare Otranto: cosa vedere in una giornata

Le belle giornate sono ormai arrivate, si vede da tutte le foto dei piedi nudi su Instagram. E si sa che appena il termometro supera i 20° la nostra testa è già in modalità ferie. Per questo ho deciso di  portarvi con me a visitare Otranto tra racconti e fotografie.

Visitare Otranto
Al di là del mare, visitare Otranto – anche se solo per una giornata – significa passeggiare in uno dei paesini di mare più belli del Salento. Otranto ha un fascino particolare: è un centro abitato molto antico, che conserva monumenti, stradine, pietre e un’atmosfera di confine.

Visitare Otranto: da dove cominciare

Per godere appieno delle meraviglie di questo paesino è importante seguire il percorso giusto. Dividete la giornata in tre momenti: dedicherete la mattina alla città, il pranzo alla scoperta dei sapori salentini e il pomeriggio al mare cristallino. Siete pronti?
Dicevamo, il percorso. Dovete arrivare in macchina al porto, parcheggiare e da lì addentrarvi nella città.
visitare Otranto: il castello aragonese
Dal porto potete vedere le mura della città vecchia e del Castello Aragonese.
Questa è la prima tappa, ovviamente. Non potrete programmare una gita per visitare Otranto senza mettere in programma un giro nel Castello Aragonese.

visitare Otranto
Il castello è una fortezza edificata dagli Aragonesi di Napoli tra il 1485 e il 1498. Ha una pianta pentagonale e irregolare, è dotato di un fossato che si estende per tutto il perimetro e, in passato, era munito anche di un ponte levatoio che ne costituiva l’unico ingresso. Ora, questa imponente struttura, è il simbolo di Otranto ed è anche il luogo che riunisce alla perfezione cultura e divertimento; infatti attualmente è destinato a mostre ed eventi culturali e artistici.

visitare Otranto le mura
Ma quello che più mi affascina, dopo il Castello, sono le mura che abbracciano e proteggono la città.
La cinta muraria era indispensabile per la città in virtù della sua particolare posizione geografica che la rendeva un importante luogo di raccordo tra Oriente ed Occidente e quindi sede di possibili scontri o attacchi nemici.

visitare Otranto

visitare Otranto
Questi fori attraverso le mura, servivano a sorvegliare il mare e a puntare i cannoni in caso di arrivo di navi sospette. “Mamma li turchi” vi dice qualcosa?

Dopo essere passati attraverso le mura, siete nel centro della città.
Un vortice di colori, profumi, voci che attraversano il labirinto di vicoli e di stradine cieche.
Un fascino che non potete immaginare se non decidete di passeggiarci dentro.

visitare Otranto

visitare Otranto

visitare Otranto

E tutti i negozietti che con i loro prodotti di artigianato locale, sembrano avere il potere di imbustare la felicità.

visitare Otranto

visitare Otranto

visitare Otranto

visitare Otranto

Piccole botteghe da dove vien fuori profumo di vacanza e odore di passioni. Quei colori sembrano gli evidenziatori di un passato di gloria e leggende.
E se mentre passeggiate vi scappa di visitare la Cattedrale dell’Annunziata e la Chiesa di San Pietro, fatelo. Non ve ne pentirete.

La passeggiata termina solitamente sui bastioni, terrazzo sul porto, laddove sorgono una serie di localini dove gustare un rinfrescante cocktail.

Visitare Otranto: dove mangiare

Passeggiando fra i vicoli intrecciati della Otranto vecchia, il sole è alto e lo stomaco brontola.
Otranto, come tutti i paesini delle coste salentine, è pieno di ristorantini sul mare e quindi non vi darò i nomi dei locali in cui mangiare. Semplicemente vi dirò cosa non potete esimervi dall’assaggiare:
– i gamberoni arrosto
– le linguine allo scoglio
– le penne alla corsara
– il sarago alla griglia
– la frittura mista

No perché, non vorrete mica mangiare carne! Sarebbe un’eresia, ve lo dico.
visitare Otranto
visitare Otranto
visitare Otranto

Visitare Otranto: dove fare il bagno

Otranto è talmente bella che anche il mare del porto sembra invitante. Ora avete quasi finito di visitare Otranto, ma non potete fare subito il bagno: avete appena mangiato!
visitare Otranto
È l’occasione per riprendere a camminare, e raggiungere la Baia dei Turchi.
Dovrete affrontare un’emozionante passeggiata in pineta, lunga quanto basta per cominciare a rilassarvi e a preparare l’anima all’indimenticabile rivelazione di uno dei posti più incantevoli del Salento.
Prima si lascerà solo intravedere per poi aprire il sipario lasciandovi senza fiato: è lei, la Baia dei Turchi.

visitare Otranto

L’acqua trasparente e l’enorme distesa di sabbia bianca e fine costeggiata dalla ricca vegetazione mediterranea rendono questo luogo paradisiaco. Non vorrete più lasciare quella pace ma a questo punto, la vostra lunga giornata a Otranto sarà quasi finita. Io dico che sarete tornati a casa con gli occhi pieni di bellezza. Voi?

_________________________________________________________________________
Vuoi rimanere aggiornata sulle novità del blog? Iscriviti alla Newsletter.

Se ti va seguimi anche su Facebook e Twitter.
Per divertirti con me ogni giorno e curiosare un po’ nella mia vita passa a trovarmi su Instagram.

Categories: Viaggi
Tags: SALENTO, VIAGGI

Commenta con Facebook...

commenti

Commenti

... oppure con Wordpress

Your e-mail address will not be published.
Required fields are marked*